FATTURA ELETTRONICA: IL TRACCIATO XML IN 5 PUNTI

La fattura elettronica, già affermata in Italia da tempo, viene trasmessa tramite il Sistema di Interscambio attraverso un file in formato XML (eXtensible Markup Language).
Vediamo, nel dettaglio, com’è strutturato il tracciato XML di una fattura elettronica.

1. TRASMISSIONE

Nel blocco “Dati trasmissione” sono contenute le informazioni obbligatorie che identificano univocamente il soggetto che trasmette, il documento trasmesso ed il soggetto destinatario.
Più precisamente:

  • Il soggetto che trasmette è contraddistinto dall’identificativo univoco che per i soggetti italiani corrisponde al codice fiscale preceduto da “IT” mentre per i non residenti coincide con il numero identificativo IVA;
  • Il documento trasmesso è caratterizzato da una numerazione progressiva dell’invio attribuita dal soggetto trasmittente, dal codice che identifica il tipo di trasmissione che si sta effettuando e il relativo formato (FPA12 per fatture verso PA o FPR12 per fatture verso privati);
  • Il soggetto destinatario è rappresentato dal codice SDI e/o dall’indirizzo PEC di posta certificata. Per le fatture verso le PA il codice SDI è costituto da 6 caratteri (codice di identificazione univoca dell’Ufficio della Pubblica Amministrazione destinataria della fattura come definito dall’Indice IPA). Per le fatture verso privati, il codice SDI è costituito invece da 7 caratteri assegnato dallo SDI ai soggetti accreditati e valorizzato con 7 zeri.
    In questo secondo caso, qualora il valore non sia indicato in fattura, la P.IVA e/o il codice fiscale sono sufficienti per recapitare correttamente il documento.

2. SOGGETTI

All’interno di una fattura elettronica troviamo tre tipologie di soggetti: cedente/prestatore (fornitore), cessionario/committente (cliente) ed, eventualmente, il terzo intermediario, ovvero una parte terza che genera il documento per conto del cedente/prestatore.

  • Dati anagrafici: ragione sociale (o nome e cognome qualora si tratti di persona fisica);
  • Codice fiscale e/o Partita IVA;
  • Dati relativi alla sede: indirizzo, numero civico, CAP, comune, provincia e nazione;
  • Eventuali contatti: recapito telefonico ed e-mail di posta elettronica.

3. OGGETTI

Il corpo di una fattura elettronica si suddivide in due macro-componenti caratterizzate dai dati generali e dai dati dei beni/servizi oggetto del documento.

  • DATI GENERALI: blocco contenente i dati generali della fattura e dei documenti ad essa collegati. È costituito da:
    • Tipologia, numero e data del documento;
    • Inserimento di eventuali sconti o maggiorazioni ad importo o percentuale;
    • Eventuali arrotondamenti, anche negativi, sul totale del documento;
    • Importo finale del documento già comprensivo di decurtazioni od imposte precedentemente indicate;
    • Causale del documento;
    • Codice CIG/CUP, da specificare in caso di appalti pubblici se richiesti dall’Ente;
    • Riferimento agli ordini collegati al documento;Riferimento ai documenti di trasporto collegati alla fattura;
    • Modalità del trasporto con specifiche riguardanti causale, descrizione ed indirizzo.
  • DATI DEI BENI E SERVIZI: blocco contenente informazioni quali natura, qualità, quantità ed altri elementi necessari a determinare il valore di ogni singolo bene e/o servizio oggetto dell’operazione. È caratterizzato da:
    • Codice, descrizione e quantità dell’articolo;
    • Prezzo unitario del singolo bene e/o servizio;
    • Sconto o maggiorazione applicati al prezzo unitario dell’articolo;
    • Importo finale del bene e/o servizio già comprensivo di eventuali decurtazioni;
    • Aliquota IVA applicata al singolo articolo.

      In questo blocco sono inclusi, inoltre, i dati di riepilogo della fattura (totale documento distintamente per aliquota o natura esenzione).

4. PAGAMENTI

In questa sezione sono presenti le informazioni sulla modalità di pagamento per la cessione/prestazione rappresentata in fattura.
Nel dettaglio sono specificati i dati relativi al beneficiario con la relativa modalità di pagamento, scadenza ed importo da saldare.

5. RESIDUALI

All’interno di quest’ultimo blocco, ad eventuali allegati correlati alla fattura nonché quelli riguardanti i veicoli. Più precisamente:

  • Nome formato e descrizione del documento allegato alla fattura;
  • Data di prima immatricolazione del veicolo o di iscrizione nei pubblici registri;
  • Totale dei chilometri percorsi, oppure totale ore navigate o volate.

Compila il form per parlare con l’esperto del software per la fatturazione elettronica!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *